oltrelavetta

vie d'arrampicata

Una giornata tra amici, Torre Grigia del Brento

 

 

                             TORRE  GRIGIA  DEL  BRENTO M. 1500  – PARETE SUD-EST

 

 

DATA RIPETIZIONE: 26/10/2017

NOME DELLA VIA: “Una giornata tra amici” (W.Polidori-M.Guzzetti-C.Dal Toè, 10/12/2016)

DIFFICOLTA’: VII/A0

SVILUPPO: 260 m.

MATERIALE: Portare una serie completa di friends dallo 0,3 al 4 (camelot) con raddoppio delle misure 0,75/1/2. Inoltre, molto utili alcuni chiodi (un paiodi lamette e due-tre universali).

TEMPO DI SALITA: 4,45 h.

CORDATA: Filippo Nardi – Jacopo Biserni

COMMENTO: Via molto impegnativa, non solo per alcuni tratti duri e di difficile protezione, ma anche per la qualità della roccia, per lunghi tratti friabile e alquanto delicata. Lungo il tiro chiave (il terzo), abbiamo lasciato due chiodi che rendono più gestibile la difficile placca grigia. Sicuramente una salita dove si trova un condensato alpinistico di quanto la Valle possa offrire: roccia buona alternata a roccia cattiva, tratti erbosi e tratti scalabili, belle fessure e pezzi di difficile proteggibilità. Da ripetere solo con le idee ben chiare e consolidata esperienza di vie simili nel Sarca. Un plauso particolare agli apritori, capaci di individuare su una struttura del genere, una linea molto logica e per il coraggio nell’avventurarsi lungo una parete, attraente solo se vista da lontano!

AVVICINAMENTO: Da Arco salire al paesino di S. Giovanni al monte e, appena prima del cartello di benvenuto in paese, girare a destra e parcheggiare l’auto dopo circa uncentinaio di metri, sulla dx. Continuare per la stradina, che poi si sdoppia. Seguire la strada che sale a sinistra. Si arriva ad una stanga che sbarra la strada e la si supera. Ora si tratta di una strada forestale, da continuare a seguire. Ad un tornante non andare dritto per un’altra forestale, ma seguire ancora la strada, fino al secondo successivo tornante, dove si procede dritto per tracce (piccolo ometto, da noi ricostruito, sul bordo destro). La traccia sale in salita, per poi continuare in piano ed infine scendere verso la Torre, ormai molto evidente. Quando si è nei pressi della sua base, non continuare verso lo spigolo di destra, ma salire a sinistra per ripido bosco e per una cengia erbosa che costeggia la parete. La via inizia presso una fessura-lama che si trova dopo un tratto molto compatto della parete (visibile un cordone a pochi metri da terra). Circa 0,45 h.

DISCESA: Indicazioni faccia a monte

- dall’ultima sosta, doppia da 50m direttamente verso la base, evitando l’albero della sosta 6 e raggiungendo un albero con cordone più basso

- doppia da 50m ad un albero con cordone

- doppia da 55m ad un albero che si trova su una cengia

- doppia da 40m alla base della parete

- seguire la traccia verso sinistra verso S.Giovanni

Dalla cima all’auto, circa 1,30 h.

 

Written by filippo

October 29th, 2017 at 8:40 pm

Posted in