oltrelavetta

vie d'arrampicata

Via Diretta, Campanile di Venere

Camp. Venere

 

 

CAMPANILE DI VENERE  M.2987   PARTETE  SUD-OVEST

DATA RIPETIZIONE: 26 – 07 – 08
NOME VIA: Diretta di Venere (I.Rabanser-S. Comploi, 1993)
DIFFICOLTA’: V+ / VI
SVILUPPO: 700 mt
TEPO DI SALITA: 7 ore
MATERIALE: Portare una serie di friends, una di nuts, alcuni chiodi e cordini in kevlar per le clessidre.

CORDATA: Filippo Nardi-Beppe Masneri

MATERIALE: In via 14 chiodi di sosta, 3 di passaggio. Utili friends e nuts + alcuni chiodi assortiti.
COMMENTO: Salita molto bella che sale le placche nerastre sottostanti la Cengia dei Fassani, forzando poi direttamente la cuspide terminale del Campanile. Roccia molto buona, salvo brevi, sporadici tratti un poco friabili. Si trovano parecchie clessidre, alcune evidenziate con cordino o fettuccia. Merita decisamente di essere ripetuta con maggiore frequenza.
AVVICINAMENTO: dal Rif. Demetz, si segue il sentiero per il Rif. Vicenza, fino a portarsi sotto la parete SW del Campanile di Venere, in corrispondenza di un’ evidente colata nera che solca la bella placconata. Si sale verso sx lo zoccolo gradinato (60 mt.) sino a raggiungere un piccolo catino alla base della suddetta colata nera (0,30 h.).
DISCESA: Dalla vetta, con 3 doppie attrezzate si scende verso l’anfiteatro con il residuo del ghiacciaio del Sassolungo. Da qui, per la cengia dei Fassani, si torna al Rif. Demetz, presso la Forcella del Sassolungo ( 2 ore)

Written by admin

July 14th, 2011 at 9:13 pm

Posted in

Leave a Reply