oltrelavetta

vie d'arrampicata

Spigolo della Melodia, Torre Sprit

 

                                                                                    TORRE  SPRIT  M. 2586   PARETE OVEST

 

DATA RIPETIZIONE: 4-8-2012

NOME DELLA VIA: Spigolo della Melodia (Manolo-A. De Pellegrini, 1978)

SVILUPPO: 400 m.

DIFFICOLTA’: VI/VI+

TEMPO DI SALITA: 6,30 h.

MATERIALE: indispensabili serie di nuts e friends. Utile avere anche alcuni chiodi vari. Cordini in kevlar

CORDATA: Filippo Nardi-Silvia Piardi-Santino Gambirasio

COMMENTO: Una via di Manolo è sempre garanzia di elevato impegno e bellezza. Non solo per la firma d’autore. Anche quelle meno note e frequentate. Anche in questo caso si tratta di una via molto dura ed impegnativa, sia per l’impegno tecnico che per quello mentale, data la scarsissima chiodatura in posto e la poca proteggibilità lungo alcuni tratti in placca grigia e compatta. La linea è molto estetica ed accattivante, la roccia è quasi sempre di ottima qualità. Soste presenti, ma sempre da controllare e spesso da rinforzare. Da ripetere se ben allenati, anche psicologicamente.

AVVICINAMENTO: Dal bivacco Menegazzi, attraversata una fitta zona di mughi, si risale il ripido pendio erboso sottostante la parete ovest della Torre e si raggiunge l’attacco, posto poco a sx dell’evidente spigolone, situato quasi al centro della parete ovest. Il primo tiro è in comune con la via “Zanetti-Zancristoforo”. 1 h. circa 

DISCESA: Noi siamo scesi in doppia,al termine della via, all’incrocio con la Zanetti-Zancristoforo, causa nebbione sulla cima e lungo la discesa normale. Utilizzate le calate della via dei Vallarseri, poste circa 50 metri a dx (faccia a monte). Visibili in lontanaza i cordini di calata.

Written by filippo

November 11th, 2012 at 1:56 pm

Posted in