oltrelavetta

vie d'arrampicata

Steinkotter-Hasse, Cima Bassa d’Ambiez

CIMA BASSA D’AMBIEZ  M.3017   PARETE SUD

“Steinkotter-Hasse”

Steinkotter-Hasse

 

DATA RIPETIZIONE:  8-8-2012

VIA: “Steinkotter-Hasse” (agosto 1973)

DIFFICOLTA’: VI+/A2

SVILUPPO: 335 m.

TEMPO DI SALITA:  4.45 h.

CORDATA: Filippo Nardi-Beppe Prati

COMMENTO: Via molto bella, abbastanza breve, ma intensa nell’impegno. A torto poco nota e ancor più, poco ripetuta, a giudicare dai segni di passaggio (chiodi, soste, tracce..) e dalle notizie avute dal rifugista dell’Agostini. Arrampicata senza acuti particolari nella prima parte, piuttosto atletica e sostenuta, invece, in quella superiore. Sul primo tiro aperto in artificiale, quello di A2, si fanno parecchi passi in libera, ma occorre una certa accortezza, in quanto la chiodatura è piuttosto ridotta ed è necessario aggiungere, abbastanza facilmente, un paio di chiodi (una lametta ed un universale corto). Le lunghezze successive, sempre impegnative  e difficili, risultano ben protette. Mi sento di segnalare l’insidia del traverso su cengia/cornice del primo tiro: è un tratto esposto, improteggibile per almeno 15 metri e molto delicato, nonostante i buoni appoggi per i piedi. Attenzione!

AVVICINAMENTO:  Dal Rif. Agostini seguire per pochi minuti il sentiero che coduce alla ferrata “E. Castiglioni”; raggiunto una sorta di pianoro, abbandonarlo e dirigersi verso l’evidente parete. Si risalgono i ghiaioni sottostanti sino a raggiungere una placca posta a destra dell’evidente fessurona che solca la parte centrale inferiore della Cima Bassa d’Ambiez. Dalla base si vede un vecchio chiodo circa 4-5 metri in alto (ometto ). Circa 0,50 h.

DISCESA: raggiunta la cima, ci si porta sul versante ovest per facile cengia e si seguono alcuni ometti sempre in direzione ovest. Poi si scende verso sx per caminetti e paretine (II-III)in direzione dell’evidente sottostante Vedretta d’Amola. Raggiuntala, ci si dirige verso una netta ed ampia sella, posta poco più in alto. Si scende lungo le rocce poste a sx del ripido canalone, in direzione Val d’Ambiez, sino a dove una serie di ripidi salti impediscono di proseguire. Qui si trovano tre calate, in parte attrezzate da noi, che depositano nella conca ghiaiosa già percorsa durante l’avvicinamento. In breve al rif. Agostini. Circa 1, 40 h.

 

 

 




Written by beppe

August 28th, 2012 at 6:26 pm

Posted in